News

Comunicato Stampa n. 30/2009

 

Addetta Stampa CWP: Antonietta Licciardello

 

 

 

 

 

 

di Antonietta Licciardello

 


 

L'esterno dei Warriors Giuseppe Sciacca - ha battuto tre doppi e un fuoricampo

 

Giuseppe Sciacca


 

BOX SCORE GARA 1

 

BOX SCORE GARA 2


Locandina incontri A2 - C1 - Under 21: clicca per ingrandire

 

Le gare del week-end:

Bollate-Redipuglia 12-11/4-3

Warriors-Senago 7-0/9-15

Sala Bag-Piacenza 0-10/3-7

Codogno-Novara 7-10/11-1

Verona-Collecchio 11-4/5-4

 

La classifica al 24.05.09:

 

squadra

PG PV PP PCT
WARRIORS    ** 14 12 2 857
PIACENZA 16 12 4 750
VERONA          ** 14 10 4 714
BOLLATE 16 8 8 500
SALA BAGANZA 16 8 8 500
COLLECCHIO 16 7 9 437
SENAGO MIL.    * 15 6 9 400
CODOGNO          16 5 11 312
NOVARA       *** 13 4 9 307
REDIPUGLIA  ** 14 3 11 214

* una partita in meno

** due partite in meno

*** tre partite in meno


 Calendario, Risultati,

   Classifiche, Satistiche

   A2 2009 da fibs.it

 

cliccare su aggiorna se la pagina non si visualizza perfettamente


    FOTO INEDITE   

  MERCHANDISING

Clicca per il collegamento alla pagina Merchandising 2009Clicca per il collegamento alla pagina Merchandising 2009

24.05.2009: Un pareggio per il Catania Warriors Paternò vs lo United

                            Homered e shout out sul diamante paternese.

Solo un pareggio per il Catania Warriors Paternò che ferma la sua striscia positiva a quota 10 vittorie consecutive e mantiene comunque la vetta della classifica. La squadra di Falcone fa sua gara uno con il punteggio di 7-0 e cede invece gara due ai lombardi con il risultato di 9 – 15. Vittoria facile quella di gara uno per il Catania Warriors: strepitosa prestazione in battuta di Giuseppe Sciacca che, dopo le buone prove della settimana scorsa, realizza 3 doppi e un homered.  Tre i cambi dello United sul monte di lancio. Si avvicendano Sala, Sardo e Bortolami, mentre per il Catania Warriors Paternò, Franklyn Torres continua a sfoderare grandi prestazioni firmando il primo shout out di questa stagione. Tutta un’altra storia in gara-2, alla fine il Presidente Consiglio dichiarerà “ci hanno riportato con i piedi per terra nel modo peggiore”. Un’incredibile sfortuna (fuori Sforza, Cabrera, Astuto e Savasta per infortunio), costringe Falcone a ridisegnare la difesa e lo United agguanta il pareggio all’ultimo inning, complici due errori degli etnei, per poi dilagare nell’extra inning. 15 – 9  il risultato finale per la squadra ospite.  

Cronaca di gara-1: Giusto il tempo di leggere il giovane lanciatore del Senago Milano United Sala, classe 86, e al secondo inning arrivano i primi quattro punti per il CWP. Si inizia con Cabrera che dalla prima base conquista il punto grazie ad una battuta lunga di Peppe Sciacca e poi con lo stesso Sciacca a punto con un'altra battuta lunga di Aluffi. Primo cambio sul monte per lo United, dentro Sardo al posto del giovane Sala. Arriva un altro punto con Aluffi che fa segnare il parziale di 3 – 0, grazie alla valida di Soraci. Quarto punto conquistato da Pesce con un sacrifico di Sosa in battuta. Al terzo inning di nuovo Giuseppe Sciacca protagonista prima fa segnare un doppio arrivando in seconda base e poi conquista il quinto punto grazie ad una valida di Aluffi. Al quinto si infiammano gli animi e per gli ospiti viene espulso Luca Chiesa per proteste, al suo posto entra Mojia. Arriva un altro punto per il Catania con Sforza che mette a segno un doppio ed entra poi a punto grazie ad un altro doppio di Sciacca. È il settimo però l’inning che incorona la prestazione di Peppe Sciacca. Autore già di 3 doppi realizza anche un fuoricampo, festeggiato da tutti i compagni in casa base. All’ ottavo cambio per il Catania, Giovanni Privitera va all’esterno destro sostituendo Mario Pesce, e Nicola Vazzano sostituisce Soraci. Nuovo cambio sul monte per lo United, dentro Bortolami. Non succede più nulla e il Catania Warriors Paternò chiude sul 7 – 0.

 “Sono veramente felicissimo della mia prestazione, ma soprattutto della vittoria della squadra. – ha dichiarato l’esterno centro del Catania Warriors Paternò Peppe Sciacca subito dopo gara-1 – È andata benissimo e spero solo che continui ad andare così. Franklyn (Torres) ha lanciato benissimo e tutti abbiamo battuto bene. Non mi piace elogiare solo il mio lavoro. Il fuoricampo? Posso dire di essere stato fortunato”, ha concluso sorridendo.

Cronaca di gara-2: Inizia bene il Catania Warriors Paternò che fa segnare 3 punti nel primo inning. I primi due con Astuto, su lancio pazzo di Bonfanti, e di Piovan su valida di Sforza che arriva in prima base con un tuffo che però gli crea un problema ed è costretto ad abbandonare il diamante. Al suo posto Falcone butta nella mischia Sosa che conquista il terzo punto su un doppio di Aluffi. Si fa sotto la squadra milanese mandando Realimi a punto al terzo inning e nel quarto Moija e Silva per il momentaneo pareggio. Tortuoso il quarto punto per il Catania al sesto inning. Lo conquista Aluffi che avanza con una sua valida, un sacrifico di Pesce, lancio pazzo dello United ed una velenosa valida di Savasta. Proprio Savasta conquista un altro punto dopo una valida di Soraci. Cambio sul monte per lo United. A lanciare va Corba. Il Catania Warriors Paternò riesce anche a portarsi sul parziale di 8 – 3, al settimo inning con Sosa, Aluffi e Cabrera, e per questo alla fine non saranno poche le recriminazioni degli etnei. All’ottavo la squadra ospite fa segnare sul taccuino ben 3 punti. Maldonado autore di un fuoricampo realizza il primo. Falcone decide per un rilievo sul monte di lancio. Dentro D’Ignoti al posto di Quintero e nuovo punto per lo United con Realini. I siciliani rispondono con un solo punto di Sosa. Catastrofe difensiva al nono, fuori per infortunio i migliori uomini della difesa. Gli etnei con due errori sul tentativo di doppio gioco regalano il pareggio allo United. Punti decisivi di Meja, Bortolami e Silva. Dilagano poi gli ospiti all’extra inning realizzando 6 punti. Sul monte etneo rilievi di Piovan e Soraci.

Le partite sono state arbitrate da Francesco Virgillito e Giovanni Montalbano. Primo classificatore Alessandro Barbera.

“Dieci vittorie consecutive erano già un buon bottino, centrare l’undicesima sarebbe stato forse chiedere troppo. – ha commentato così il fine settimana, il Manager del Catania Warriors Paternò Benny Falcone - Sono contento di gara uno dove ho visto un buon lavoro di squadra, molto meno di gara due dove ho avvertito un brutto calo di tensione da parte dei miei. Gara uno ci ha mostrato ancora una volta un Franklyn Torres incredibile. Merita una menzione particolare anche Peppe Sciacca capace di far segnare tre doppi e un fuoricampo: è stato strepitoso. Gara due invece ci ha fatto capire quanto ancora dobbiamo crescere e lavorare soprattutto sull’umiltà. In settimana ci sarà molto da lavorare, anche su questo”.

“Avversari facili non ce n’è. - Ha spiegato il Direttore Generale del Catania Warriors Paternò, Mario Raciti – Lo avevo detto alla vigilia e lo ripeto alla luce dei risultati odierni. In questo fine settimana ai ragazzi era stato chiesto di giocare da primi della classe e loro lo hanno fatto solo in gara-1. In attacco si sono mantenuti i miglioramenti che ci sono stati a Collecchio, ma in difesa ci sono ancora molte cose da rivedere”.  

 “Siamo tornati sulla terra nel modo peggiore. – ha dichiarato a fine gara –2 il presidente del Catania Warriors Paternò Antonio Consiglio, che in questo fine settimana si è trasformato anche in speaker per i presenti al Warriors Field – Abbiamo commesso due errori criminali che hanno riportato l’avversario in gioco quando la partita era ormai chiusa. Siamo passati da una partita dove la nostra squadra ha dimostrato di meritare il posto in classifica che abbiamo e la striscia positiva di 10 vittorie consecutive, ad un'altra dove usciamo ridimensionati. La squadra si è disunita troppo dopo gli infortuni e non è riuscita a chiudere quando poteva. Voglio vedere l’aspetto positivo anche con la sconfitta: ci hanno riportato con i piedi per terra e questo ci farà lavorare di più sulla nostra concentrazione in futuro. Abbiamo perso gara-2 nel modo peggiore possibile. Manteniamo ancora la vetta della classifica, ma ci sarà tanto da lavorare”. 

 

Campionato - Gara 15

1

2

3

4

5

6

7

8

9

R

H

E

Senago Milano United

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

5

0

Catania Warriors Paternò

0

4

1

0

1

0

1

0

0

7

13

0

Stadio Warriors Field, Paternò - Inizio: 15:30 -   Fine: 18:15

Partenti del Catania Warriors Paternò: 7. Sosa Javier (4), 10. Piovan (6), 33. Sforza (5), 25. Cabrera (3), 42. Sciacca G. (8), 13. Aluffi (2), 17. Pesce (9), 83. Savasta (7), 3. Soraci (Dh) Lanciatore:  45. Torres (1).

Partenti Senago Milano United: 31.Realimi (8), 13.Drago (4), 35.Wong (5), 21.Silva (6), 29.Chiesa (Dh), 20. Marzullo (9), 3. Maldonado  (7), 16. Bacio (3), 18. Milani (2) Lanciatore: 8. Sala (1).

(tra parentesi la posizione di partenza occupata dal giocatore in campo)

 

Campionato - Gara 16

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

R

H

E

Senago Milano United

0

0

1

0

2

0

0

3

3

6

15

15

1

Catania Warriors Paternò

3

0

0

0

0

2

3

1

0

0

9

13

3

Stadio Warriors Field, Paternò - Inizio: 10:00 - Fine: 14: 20

Partenti del Catania Warriors Paternò: 27. Astuto (4), 10. Piovan (6), 33. Sforza (5), 25. Cabrera (2), 42. Sciacca (8),13. Aluffi (Dh), 17. Pesce (9), 83. Savasta (7), 3. Soraci (3). Lanciatore:  40. Quintero (1).

Partenti Senago Milano United: 31.Realimi (8), 18. Milani (2), 44. Meja (5), 21.Silva (6), 29.Chiesa (3), 13. Drago (4), 3. Maldonado  (7), 20. Marzullo (9), 22.Sabatino (Dh). Lanciatore: 23. Bonfanti (1).

(tra parentesi la posizione di partenza occupata dal giocatore in campo)

 Catania Red Sox Paternò

Il Catania Red Sox Paternò, impegnato invece a Reggio Calabria contro il San Giorgio Baseball Club è stato sconfitto con il punteggio di 16 – 8. I ragazzi di Rene Rojas sono rimasti in partita fino al 7° inning riuscendo anche a passare in vantaggio. Grandi difficoltà per gli etnei quando sul monte si  è presentato Arcangelo Cibati. Lanciatori del match per il Catania Red Sox Quattrocchi e Andrea Montalto. La partita è stata arbitrata da Giuseppe Fiorito e Fabio Fichera.

 

Paternò  24 Maggio 2009

Ufficio Stampa CWP

Antonietta Licciardello